Web Marketing
Google Penguin

Google Penguin è un algoritmo di Google introdotto il 24 aprile 2012 che ha l’obiettivo di punire i siti web che violano le linee guida di Google. Penguin è pensato per scovare, in particolare , quelle tecniche seo che mirano ad aumentare artificialmente il ranking di una pagina web manipolando il numero di link che puntano alla pagina. Queste tattiche, chiamate anche schemi di link, sono pratica comune nel link building.

Google Penguin è stato aggiornato più volte raffinando ulteriormente la sua capacità di individuare schemi di link artificiali. Nello specifico Penguin considera i seguenti tre fattori degli schemi di link:

Link da siti di scarsa qualità

Penguin considera poco affidabili i link provenienti da siti di scarsa qualità, soprattutto se sono tanti e sono stati creati in poco tempo.

In sintesi: essere linkati da siti di spam, di scarsa qualità o poco autorevoli è inutile, ed essere linkati da un numero eccessivo di questi siti può anche danneggiare il ranking di un sito web.

Sovraottimizzazione dei link

Penguin è in grado di determinare se c’è stata una manipolazione dei link anche in base alle loro caratteristiche. Ad esempio l’utilizzo massivo delle parole chiave, per le quali si desidera essere posizionati, come anchor text è un fattore di sovra ottimizzazione che Penguin considera come indizio di una violazione delle linee guida.

Da alcuni test fatti da esperti SEO si è evidenziato che siti con oltre il 60% dei link in entrata con la parola chiave target come anchor text sono generalmente penalizzati.

Link da siti non pertinenti

Con Penguin i contenuti e la pertinenza dei siti da cui provengono i link hanno maggiore peso rispetto a prima. Viceversa grandi quantità di link provenienti da siti considerati “fuori tema” sono considerati indizio di pratiche che violano le linee guida di Google.